Salta al contenuto principale

Voglio tornare bambino

aprile 24, 2012 da Aristodemo De Blasi

Voglio tornare bambino

 

In fondo è il sogno di molti di noi tornare alla spensieratezza della fanciullezza. Alcuni riescono a realizzare il sogno con il loro lavoro, o nei loro hobbies, o rispecchiandosi nei propri figli. Pensando ai “santini” che oggi spopolano per le strade e le case di San Cesario e ispirato dai commenti dell’amico Luigi, mi si è palesata una realtà: i nostri politici altro non sono che bambini che giocano con le figurine. Pensateci bene e ditemi se non è così…

Tutto ebbe inizio alle scorse amministrative. I cittadini di San Cesario, attraverso i loro voti, distribuirono le “figurine” alle compagini politiche che, aprendo le bustine, si trovarono purtroppo davanti ai classici e sempre odiati “doppioni”…per completare l’album della legislatura c’è solo una possibilità di salvezza, avviare l’inevitabile scambio dei doppioni.

L’opposizione si accorse di avere due “Capone”, Raffaele era insostituibile, andava ceduto Pietro, ma anche i bimbi di maggioranza avevano il loro Capone, per cui Pietro fu relegato in un nuovo album “misto” creato su misura.

I bimbi di maggioranza si resero subito conto di avere tra le loro figurine troppi medici, a parte il sindaco che non è da considerare nel computo dei doppioni, gli altri furono avviati agli scambi. Risultò subito arduo cedere Rino Serra, l’opposizione aveva già un Rino, per cui la figurina del dottore si autodistrusse e fu sostituita da quella di Franco Panzera che non creava problemi all’album. Ma i medici erano ancora troppi per cui si scelse di tenere Forestiere (lo straniero in squadra fa sempre comodo) e di cedere Lecciso. Ma anche in questo caso l’opposizione obbiettò di avere già un dipendente ASL nell’album per cui anche Lecciso finì nell’album misto. Ma nel momento di cedere la figurina del dottore, i bimbi di maggioranza si accorsero che l’immagine era saldamente unita a quella di Marco Pascali e non riuscendo a cedere l’una trattenendo l’altra, la sacrificarono.

Al suo posto fu acquistata Marina Rollo, ma la sfortuna si accaniva sui bimbi del centrosinistra: due “Rollo” nell’album? Nuovamente si ripresero le trattative di trasferimento. Cediamo l’uno o l’altro? Alla fine si scelse di cedere Marina, visto che la donna in album c’era già, anche se Giovanni ancor oggi non sa di quale album far parte. Nel frattempo i bimbi di minoranza decisero di non accettare Marina poiché avevano già R.M. anche se uomo, ed anche la Rollo finì nel terzo album. Mentre si svolgevano le trattative accaddero due fatti strani, uno nell’album di maggioranza ed uno nell’album di opposizione. In quest’ultimo nessuno si era accorto che Pietro Capone era stato ceduto e pensando di avere ancora un doppione eliminarono anche Raffaele sostituendolo con Massimo Liaci. Il centrosinistra, invece, si accorse che la figurina Ciricugno, proprio non ce la faceva a rimanere incollata all’album, nemmeno quando fu usata la super colla ASSESSORATTAK (la stessa che aveva tenuto incollato Rollo), ma la cosa strana fu che lo stesso effetto aveva sull’album dell’opposizione, per cui anche lui finì nell’album misto.

Insomma tra trattative, scambi e scomparse, alla fine dei 5 anni, gli album non erano più come erano stati regalati dai cittadini. Ma c’è poco da stupirsi, non ce nulla di meno affidabile, meno prevedibile del bimbo politico…per fortuna abbiamo sempre pronte le sculacciate elettorali per rimetterli in riga. Buona collezione a tutti.

Aristodemo De Blasi

 

Guarda la Galleria fotografica con tutti i "Santini" di queste amministrative

Commenti

bellissimo

aprile 27, 2012 da fabrizio luperto, 2 anni 20 settimane ago
Comment: 212

Bellissimo, Aristodemo sei un grande.