Salta al contenuto principale

SED, un’app per monitorare i miasmi della discarica

dicembre 14, 2014 da redazione

E' operativo il progetto per il monitoraggio della vicina discarica di Cavallino. Due “nasi elettronici” e il coinvolgimento attivo dei cittadini per misurare il disagio provocato dall’inquinamento dell’aria e dai miasmi

Da oggi i cittadini di San Cesario hanno uno strumento in più per combattere i miasmi provenienti dalla vicina discarica di Cavallino che in questi anni ha causato molti disagi e che hanno, purtroppo per loro, imparato molto bene a riconoscere. E' stato infatti presentato ufficialmente lo scorso 1° dicembre il Progetto SED (Sistema Esperto di Monitoraggio delle omissioni di sostanze odorigine da Discarich), che si propone di misurare quantitativamente il disagio dei cittadini per l’inquinamento dell’aria causato dalle discariche, di fornire alle amministrazioni pubbliche delle risposte sull’impatto dell’inquinamento in termini di percezione dei cittadini e perdita di biodiversità e di dotare i gestori delle discariche di strumenti per migliorare o mitigare gli impatti.

Il monitoraggio avverrà attraverso due “nasi elettronici”, in grado di rilevare la presenza nell’aria di metano e delle altre sostanze che provocano i miasmi, che saranno installati, il primo, nel centro del paese, sul tetto del Palazzo Ducale, e il secondo in area periferica pù prossima alla discarica, nelle vicinanze dell’agriturismo “Lu Casale”. Qui sarà installata anche una stazione meteo che rileverà con precisione in quali condizioni atmosferiche di temperatura, umidità e vento si verificano i miasmi.

I “nasi elettronici” sono delle attrezzature tecnologiche sperimentali, le cui rilevazioni devono essere validate. E qui entra in scena l’aspetto più innovativo del progetto, vale a dire la partecipazione attiva dei cittadini di San Cesario (ma anche dei paesi limitrofi) che, attraverso il loro smartphone potranno segnalare la presenza di puzza in un determinato luogo e momento.

La procedura è molto semplice. Basta scaricare l’app gratuita “SED Sistema Esperto di monitoraggio” (disponibile per iOS e Android) e registrarsi con il proprio numero di cellulare (le segnalazioni non potranno, quindi, essere anonime). A questo punto l’utente potrà fare la sua segnalazione indicando il livello di odore (da 1 a 5) e la posizione (il sistema rileva automaticamente la posizione grazie al gps dello smartphone). Nella sezione “Mappe” dell’app sarà possibile vedere dove ci sono state segnalazioni nella giornata, nell’ultima settimana o ultimo mese o, ancora, in un determinato periodo.

Il Progetto SED è cofinanziato dalla Regione Puglia con fondi FESR attraverso il bando “Living Labs” ed è il frutto della collaborazione tra Comune di San Cesario, Università del Salento, il centro di ricerca europea su biodiversità ed ecosistemi “Lifewatch”, e le imprese Virtech (del sancesariano Nicola Fiore), UpVision (del sancesariano Francesco Fiore), WiCity, Sei Consulting e Consorzio Cetma.

Il progetto prevede in una seconda fase anche il monitoraggio di alcune specie animali e floreali del territorio così da  verificare eventuali impatti della discarica sull’ecosistema. Il bando Living Labs finanzia il progetto al 60% per un anno ma le aziende partner (cofinanziatrici al 40%) si augurano che la buona riuscita possa garantire il proseguimento del monitoraggio estendendolo anche ad altri paesi dove c’è presenza di discariche. Tutte le info su www.progettosed.it

Gianni Nobile