Salta al contenuto principale

Calendario 2014, dodici mesi di ricordi

dicembre 13, 2013 da redazione

Nelle foto del calendario 2014, uno spaccato di storia paesana

I nostri avi attribuivano alla dea Memoria la facoltà di dare ai poeti e ai saggi la capacità di tramandare il passato. Un potere per nulla secondario perché conteneva in sé la possibilità di rendere immortali gli uomini dei quali sarebbero state ricordate per secoli imprese, gesta, canti, parole... Sembrerebbe poco, quindi, addirittura scontato avere tra le mani questo calendario denso di foto del passato di San Cesario; eppure poco non è, anzi!

È come entrare nelle stanze segrete di chi attraverso le immagini ha custodito volti (quelli di amici cari o della famiglia, di madri e padri, nonne e nonni, zie e zii), luoghi, ricorrenze, feste o anche solo momenti apparentemente comuni e che a distanza di anni invece si rivelano preziosi: una cena tra amici, una posa con mamma e papà sorridenti, la partenza di una gara ciclistica o la formazione di calcio di quando si era ragazzi e un po’ si pensava possibile diventare il nuovo Bonimba. Fermare i ricordi è quello che facciamo tutti, spesso inconsapevolmente mettiamo da parte nel bagaglio dei ricordi tante tessere; lo facciamo perché nel dna del genere umano è scritto che ci sarà un momento in cui questi ricordi torneranno utili, serviranno a ricucire ferite, a placare il senso di vuoto, a sorridere, a non ripetere sbagli, a riconoscere la somiglianza in un padre o in un figlio.

Quello che “l’alambicco” tenta di fare da dieci anni, con questo calendario, è di dare un senso collettivo alla memoria privata della gente di San Cesario. Negli anni abbiamo raccolto centinaia di foto, le abbiamo ordinate per temi (il lavoro, la scuola, le feste e i riti, la socialità, la famiglia, lo sport, il tempo libero) e restituite ai nostri lettori. La soddisfazione più grande, ogni anno, è vedere piccoli capannelli di gente radunata attorno alla prima copia del calendario e concentrata nel tentativo di riconoscere i volti e ricostruire le date. Tutti a sorridere. Perché la memoria serve anche a questo: salvarci dall’omologazione, ricordarci che apparteniamo a un luogo e a della gente che quel luogo lo abita.

E poi questo calendario ha un altro merito: aiutare la nostra associazione a sopravvivere, a continuare a pubblicare il giornale che avete tra le mani e a crescere con nuove iniziative e vecchie consuetudini. Come quella di sbirciare ancora tra gli album dei ricordi.

La redazione

 

Come posso acquistare il Calendario 2014?

Il Calendario 2014 lo puoi acquistare al costo di 5 euro nelle edicole di San Cesario:
   De Blasi (via Umberto I)
   Non solo fumo (via Vittorio Emanuele III)
   Number One (piazza Garibaldi)
   Torelli (via Dante)

oppure lo puoi ricevere comodamente a casa tua o regalarlo ad un tuo caro che vive lontano.

Abbiamo organizzato un servizio di spedizione postale per tutti coloro che vivono lontano da San Cesario. Il calendario sarà spedito in un tubo di cartone, in modo da evitare danneggiamenti o piegature durante il trasporto. Il costo della spedizione (da sommare al prezzo dei calendari) è di euro 7 (fino a 2 calendari) e di euro 15 (fino a 5 calendari). La modalità di pagamento è il bonifico bancario.

Contattateci all'indirizzo mail redazione@alambicco.com e vi forniremo tutti i dettagli

 

Guarda la Galleria Fotografica della presentazione del Calendario 2014